Crea sito
Il carcere di Rebibbia

Dipingere con “Colori dolenti” per cercare il proprio riscatto

La bellezza nasce dove meno te l’aspetti. Anche nel braccio di massima sicurezza di un carcere. A Rebibbia nove detenuti hanno dipinto e messo in mostra i loro quadri, nell’esposizione intitolata “I colori dolenti”. L’arte è un modo per ricominciare: a vivere, a sognare. A essere persone migliori.

Abbigliamento made in Italy: davvero è sempre etico?

Sebbene sia vero che l’abito non fa il monaco, è anche vero che l’abito è un linguaggio, e assume una valenza semiotica. L’abito ci permette di scegliere se appoggiare chi sfrutta persone o meno. Lo sfruttamento che si nasconde dietro il confezionamento di vestiti è oltre ogni immaginazione.