L’empatia verso gli animali è questione di geni

Provare empatia verso gli animali più di quanto facciano altri sarebbe dovuto, secondo una ricerca, a una specifica variazione nel gene che regola la produzione di ossitocina.

Sembra che l’amore per gli animali e l’empatia siano scritti nel DNA. Così sostiene uno studio dello University of Edinburgh’s Roslin Institute e dello Scontland’s Rural College. Infatti coloro che mostrano un alto grado di cura verso altre specie condividono una variazione in un gene, quello che produce l’ossitocina, neurotrasmettitore noto anche come “ormone dell’amore”. L’ossitocina è coinvolta anche nella creazione di legami sociali, soprattutto forti come quelli madre-figlio o nella coppia.

Durante la ricerca è stato analizzato il DNA di 161 studenti che hanno poi dovuto compilare un questionario al fine di valutare l’empatia verso gli animali. Proprio quelli che avevano presentato una certa variazione nel gene dell’ossitocina avevano dato anche risposte che mostravano maggiore empatia. Generalmente le donne sono quelle più portate all’empatia, e molti dei soggetti analizzati lavoravano in settori attinenti alla cura degli animali. Naturalmente ci sono fattori ambientali, come l’educazione ricevuta o il credo religioso, che possono influenzare il rapporto con e altre specie. Però questa è la prima ricerca (pubblicata sulla rivista Animals) che prova come anche la genetica possa provare un ruolo. D’altra parte lo vediamo: spesso l’empatia è innata e certi soggetti la provano come qualcosa che hanno dentro, nel loro profondo.

Comunque, ciò non significa che l’empatia non si possa sviluppare. Insomma, che non si prenda la genetica come un pretesto per non amare gli animali o non prendersene cura: per ciascuno di noi, volere è potere. Rinunciare a ogni atto di crudeltà verso gli animali non è questione di genetica, ma di etica e coscienza.

 

 

Please follow and like us:

Post Author: crueltyfree

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *