La politica è (anche) questione di clima

Il clima è una questione di politica, non solo di ecologia. Di interessi, di economia. Ma anche di cittadinanza.

Quando si parla di ambiente e clima, nonché di salvaguardia del Pianeta, nella sfiducia generale ci si domanda se i grandi della Terra davvero poi siano così interessati a proteggerla. A giudicare dalle guerre che continuamente cercano di avviare, dalle attività di sfruttamento e accaparramento delle risorse, da quanto poco la politica sia di volta in volta mossa da senso del dovere e del bene comune e quanto molto lo sia da interessi personali e lobbystici, sembra proprio di no. In effetti col clima la politica c’entra molto e l’uscita di scena di Trump e degli USA al grido dello slogan America’s first lo dimostra ancora una volta. Quella di Trump sembra essere più una presa di posizione contro la politica di Obama – pur esecrabile sotto molti aspetti – e nel mantenere a tutti i costi certe promesse fatte in campagna elettorale in cui chiaramente il clima non può essere in cima ai pensieri. D’altra parte se è vero che occorre mettere in campo politiche di attenzione alla salvaguardia dell’ambiente, è anche vero che questo sta diventando – o rischia di diventare – l’ennesimo business in cui poi i proclami etici rischiano di annegare. A noi cittadini rimane il dubbio sull’utilità delle azioni che possiamo intraprendere: sembra non esserci via d’uscita su questo argomento. Sembra quasi che ogni nostro sforzo sia inutile; prima ti dicono di spegnere le lampadine per favorire il risparmio energetico e dunque l’inquinamento, poi ti dicono che in fondo le lampadine non consumano così tanto e il vero problema è altrove. Vengono a fare comizi con gran dispendio di soldi e risorse, ma per farlo occorre inquinare in un giorno più di quanto poi si risparmi nell’attuare in una vita intera quanto detto durante il comizio stesso. Un po’ confusi, molti si rassegnano all’idea che anche quello del clima sia un modo per far soldi e null’altro. Dall’altra parte c’è chi crede basti svuotare il portafoglio comprando bio e a km0 per dare un futuro alle prossime generazioni. Non un futuro migliore, si badi bene: semplicemente un futuro.

E allora?

Allora bisogna comunque perseverare. Ogni azione ha davvero un peso importante. Purtroppo quel peso specifico sembra così piccolo se i gesti di ognuno rimangono isolati… Così, anche solo leggere e condividere informazioni e conoscenza, come stiamo tentando di fare, pur consapevoli del peso ambientale che questo ha nel solo tenere acceso un computer, diventa comunque un mezzo importante per portare avanti un cammino in cui dobbiamo essere in tanti, sempre di più. I potenti del mondo hanno a cuore la politica più che il Pianeta: facciamo in modo che la richiesta della salvaguardia della Terra sia una questione politica, più che ambientalista ed ecologista, e non nei termini attuali: non, cioè, nel decidere chi e come ci si deve spartire una torta di interessi. Deve essere una questione di politica, di consenso anche elettorale. Bisogna giocare sul loro stesso terreno: e vincere. Senza lasciarsi però trascinare nei populismi, nei partitismi e nei tanti movimenti che stanno nascendo per accalappiare i voti di chi crede in un futuro sostenibile. A noi questi discorsi non interessano. Siamo teste pensanti, noi, non schede elettorali da imbucare al momento opportuno.

 

 

Please follow and like us:

Post Author: crueltyfree

1 thought on “La politica è (anche) questione di clima

    HacyDaype

    (marzo 21, 2021 - 2:59 pm)

    [url=https://vsdoxycyclinev.com/]buy doxycycline acne[/url]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *